X

Una prova di logica

Principe di Piemonte

Eroi dei due mondi

Bellezza senza semplicita'

Bruno Manzardo contro Harry Potter

 

Bruno Manzardo contro Harry Potter

Articolo del 3 novembre 2011
di Mauro Barletta

Premessa numero uno. Questo articoletto è rivolto agli sfortunati scacchisti che non condividono le notizie pubblicate su Facebook da Bruno Manzardo. E’ stato il Presidente (chi è stato presidente della Sst una volta è Presidente per tutta la vita) a fare una scoperta sensazionale e a divulgarla sul web.

Premessa numero due. L’estensore di queste righe si era imbattuto nella partita Jovanovic-Manzardo quando raccoglieva il materiale per il libro sulla storia del circolo e, colpevolmente, l’aveva messa da parte. Approfitta dunque di questa occasione per cospargersi il capo di cenere.

Esaurite le premesse, passiamo alla storia. Il film "Harry Potter e la pietra filosofale", che inaugurò nel 2001 la saga del maghetto sul grande schermo, contiene una spettacolare battaglia fra scacchi giganti: per metterla a punto, la produzione si avvalse della collaborazione di un maestro internazionale americano, Jeremy Silman, il quale elaborò una situazione in cui i pezzi si spostavano in base alle esigenze della trama rispettando comunque le regole del gioco. Ebbene, nel 2002 un altro maestro internazionale, Gary Lane, affermò – sulla rivista Kingpin – che per le evoluzioni dei personaggi Silman si fece ispirare da una partita realmente giocata ma poco conosciuta. Tenetevi forte: quella partita era la Jovanovic-Manzardo, giocata a Imperia (torneo di seconda classe) nel 1967.

Manzardo, su Facebook, ha gettato questo gustoso commento: "Porca miseria. Non mi hanno nemmeno dato i diritti d'autore. E siccome l'ho scoperto dopo dieci anni, non ho nemmeno potuto vantarmi con gli amici". Poi, però, ha approfondito la questione ed è venuto a sapere che, qualche anno dopo, Silman smentì categoricamente di aver lavorato sulla Jovanovic-Manzardo, di cui, aggiunse, non aveva mai sentito parlare.

A noi non importa. Quante partite giocate non diciamo da un torinese, ma da un italiano, sono state collegate a una pellicola campione di incassi e hanno fatto polemizzare due famosi maestri internazionali? E poi, a nostro avviso, la Jovanovic-Manzardo è bella e merita di essere guardata e riguardata. Quindi ve la proponiamo. Aggiungendo che, secondo i testimoni oculari che siamo riusciti a rintracciare, l’avversario del Presidente era una donna (sì, proprio così) di notevolissima avvenenza.

Jovanovic - Manzardo
Imperia, 1967

1.e4 d5 2.exd5 Nf6 3.c4 c6 4.dxc6 Nxc6 5.Nf3 e5 6.d3 e4 7.Qe2 Bb4+ 8.Bd2 00 9.dxe4 Nxe4 10.Qd3 Qe7 11.Be2 Re8 12.a3 Nxd2 13.Nbxd2 Bf5 14.Qe3 Qf6 15.Qb3 Bxd2+ 16.Kf1 Nd4 17.Nxd4 Qxd4 18.Rd1 Rxe2 19.Kxe2 Re8+ 20.Kf1 Bd3+ 21.Kg1 Re2 22.Rf1 Qxf2+ 23.Rxf2 Re1+ 24.Rf1 Be3 matto

Per approfondire:

http://www.jeremysilman.com/movies_tv_js/harry_potter.html
http://www.chessedinburgh.co.uk/chandlerarticle.php?ChandID=68
http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/piemonte/2011/11/02/
http://www.quotidianopiemontese.it/2011/11/02/bruno-manzardo-il-giocatore-di-scacchi-torinese-che-ha-ispirato-harry-potter/
http://www.scuolascacchinotarstefano.it/index.php?option=com_content&task=view&id=474