37e Olimpiadi degli Scacchi | Torino 2006

Home Page

login

Untitled Document
Giugno 2018
LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
       
RASSEGNA STAMPA

L'ECO DI BERGAMO


SCACCHI, il Festival "vince" le Olimpiadi

Venerdì 19 agosto 2005

La Kermesse di Castione diventa manifestazione pre - olimpica ufficiale. Oggi la prima partita e da domani iniziano le sfide tra giocatori di tutto il mondo. E gli albergatori già festeggiano

Re e regine, torri e cavalli, alfieri e pedoni aspettano immobili sulle scacchiere. Quando il bianco farà la prima mossa cominceranno a sfidarsi senza esclusione di colpi. Per nove giorni di fila. E Castione diventerà ancora una volta la capitale degli scacchi.
È ai blocchi di partenza la 25a edizione del Festival scacchistico internazionale della Conca della Presolana. Aprirà ufficialmente i battenti domani, ma già oggi è in programma una gustosa anteprima con la simultanea inaugurale: dalle 16,30 in avanti, sul piazzale Donizetti di Bratto, il grande maestro (il massimo titolo a livello internazionale per un giocatore di scacchi della Serbia-Montenegro Sinisa Drazic sfiderà chiunque abbia voglia di affrontarlo. Un avvincente "uno contro tutti" già sperimentato e apprezzato lo scorso anno.
Nei prossimi due giorni prenderanno il via le competizioni: domani il Torneo Magistrale (riservato ai giocatori più forti), il campionato italiano femminile assoluto e il campionato italiano giovanile (fino a 20 anni) assoluto; domenica i tornei B (riservato ai migliori giocatori nazionali), C (seconda e terza categoria nazionale) e Promozione (esordienti). Fino a sabato 27 agosto i turni di gioco inizieranno alle 14,30. Domenica 28 agosto, giornata conclusiva, partite sin dal mattino per lasciare poi il pomeriggio alla cerimonia di chiusura e alle premiazioni.
Quella di quest'anno si annuncia già come un'edizione speciale. A cominciare dalla sede di gioco. I tornei non si disputeranno più alI'Hotel Milano e alle vicine scuole elementari di Bratto, ma al centro sportivo comunale «Bons en Chablais», di Castione, in via Rucola, aperto da poco dopo i lavori di ristrutturazione. L'Hotel Milano resterà il cuore di tutte le attività collaterali e il punto di ritrovo per gli scacchisti. Ma non è solo il luogo. li Festival Della Conca della Presolana - organizzato dal Cooraltur, Circolo scacchistico Presolana con il patrocinio di Regione, Provincia, Comune di Castione, Comitato Regionale Lombardo Scacchi - farà anche un salto di qualità.
Gianpietro Pagnoncelli, bergamasco di nascita e milanese d'adozione, da anni organizzatore della manifestazione, spiega: «In occasione della 25a edizione il torneo è stato potenziato dal punto di vista tecnico. Avremo tre Grandi Maestri che superano i 2600 punti Fide: il moldavo Viorel Iordachescu, il russo Vladimir Epishin, già quattro volte vincitore della Conca della Presolana (dal 1999 al 2002, ndr), e il russo, ma naturalizzato tedesco, Igor Khenkin.
Con giocatori di questo livello si entra in un discorso di eccellenza". Senza contare che, insieme a loro, ci saranno altri 11 Grandi Maestri. Alcuni a Castione per la prima volta: il croato Mladen Palac, l'ungherese Attila Groszpeter, il serbo montenegrino Milan Drasko, il turco (ma gareggia per la Bosnia) Suat Atalik. Non mancheranno poi volti noti delle passate edizioni come il Grande Maestro italiano Michele Godena o l'ungherese Gyula Sax, vincitore nel 2003. Non difenderà invece il titolo di campione in carica il greco Igor Miladinovic: già l'anno scorso aveva preannunciato la sua assenza.
Tra tanti campioni, anche un'esponente del gentil sesso: Elena Sedina, grande maestro femminile di origine ucraina, ma ormai italiana a tutti gli effetti. Oltre che su di lei e su Godena, l'Italia punta su diversi maestri internazionali (un gradino sotto la norma di grande maestro) e una buona truppa di giovani. "Spero che proprio loro riescano a imporsi, a lasciare il segno - si augura Pagnoncelli - .
L'anno prossimo a Torino si disputeranno le Olimpiadi di scacchi e tra le squadre che schiererà l'Italia ce ne sarà una composta da soli giovani. Non per niente ne abbiamo invitati molti». Proprio in proiezione dei giochi di Torino il Festival della Conca della Presolana assume quest'anno particolare valore. Gli è stato, infatti, assegnato il titolo di «Manifestazione preolimpica ufficiale». «Abbiamo soddisfatto i requisiti richiesti -spiega Pagnoncelli -, siamo stati tra i primi a ottenere questo riconoscimento.
Per la cerimonia di chiusura dovrebbe essere presente anche un rappresentante del comitato organizzatore dei giochi olimpici». Il festival, dunque, ha già il sapore di una piccola Olimpiade. Ci saranno, infatti, giocatori provenienti da Filippine, Russia, Germania, Inghilterra, Spagna, Albania, Serbia - Montenegro, Svezia, Moldavia, Austria, Croazia. Per quanto riguarda l'Italia, è previsto l'arrivo di un massiccio gruppo di giovani dalla Sicilia e anche dalla Sardegna. I partecipanti dovrebbero essere più di 350.
Le preiscrizionì sono a quota 346, ma c'è sempre chi arriva negli ultimi giorni. Il record di 392 iscritti stabilito lo scorso anno sembra a portata di mano.
Inevitabili, con numeri simili, anche le ricadute sul turismo.
In questi giorni arriveranno - uno alla Conca della Presolana circa 60 persone tra concorrenti, accompagnatori, componenti dello staff organizzativo e semplici appassionati. Grazie a un'apposita convenzione predisposta dal consorzio degli albergatori Cooraltur, alloggeranno in hotel, agriturismo e campeggi di Castione, Bratto e Dorga, ma anche di Clusone, Rovetta, Fino del Monte, Onore."
Non mancano nemmeno gli habitués che, ormai di casa, preferiscono prendersi in affitto un appartamento. Il successo della manifestazione è dovuto in gran parte a una cchina organizzati va ben rodata.
L'attenzione è dedicata, naturalmente, soprattutto agli scacchisti: si punta a farli sentire a casa loro, ad accontentare le c oro esigenze, siano maestri o giovani alle prime armi. Un obiettivo non certo facile da raggiungere visto che possono esserci giocatori di 8 come di 80 anni. Fanno quindi da cornice ai tornei numerose iniziative collaterali. A cominciare dal «Premio di bellezza» che, quest'anno, non verrà assegnato solo al termine del torneo, ma a ogni turno escluso l 'ultimo. Verrà premiata la partita più bella di ogni giornata e tra queste sarà poi scelta la migliore del Festival.
Altra manifestazione importante è la fiera del libro di scacchi che inizierà giovedì 25 e si concluderà sabato 27 agosto. Un appuntamento con le 'principali novità editoriali che prevede, in chiusura, anche premi per il miglior libro di autore italiano, di autore straniero e per i migliori articoli apparsi su riviste e quotidiani.
E poi, ancora, le analisi delle partite con alcuni maestri internazionali italiani, i tornei lampo serali, uno spettacolo di magia (mercoledì 24 alle 21,30) con lo scacchista prestigiatore Alessio De Santis, il Totoscacco (in pratica la schedina del Totocalcio applicata al Festival), il bollettino del torneo.
Un occhio di riguardo anche per gli appassionati che non potranno essere a Castione. Grazie al sito internet www.scaccobratto.com potranno seguire il Festival minuto per minuto. Saranno infatti on-line tutti i risultati, i calendari, le principali novità, le curiosità e, in tempo reale, le partite delle quattro principali scacchiere del Magistrale. «Speriamo che alla fine siano tutti soddisfatti», conclude Gianpietro Pagnoncelli.
Le premesse perché l'auspicio diventi realtà ci son tutte.

Nicola Andreoletti