37e Olimpiadi degli Scacchi | Torino 2006

Home Page

login

Untitled Document
Luglio 2018
LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
RASSEGNA STAMPA

IL SECOLO XIX


Olimpiadi degli scacchi sulla scia di Torino 2006

27 Gennaio 2005

Da tempo Torino si prepara all'evento sportivo clou dell'anno prossimo, ma anche gli sport della mente hanno scelto la prima capitale d'Italia come luogo simbolico per una manifestazione che attrarrà le attenzioni dell'ambiente scacchistico mondiale e, raccogliendo il testimone delle Olimpiadi degli sport invernali, manterrà i riflettori mediatici puntati sul nostro Paese.
Le Olimpiadi degli scacchi sono garantite da un comitato organizzatore presieduto da Paolo Fresco (già presidente della Fiat), affiancato dal presidente della Regione Piemonte, dal sindaco di Torino, dall'assessore allo Sport della Provincia, ma anche da personalità del calibro di Carlo Caracciolo, Gianluigi Melega e Alessandro Casazza (presidente del .Museo del Cinema).
La data delle Olimpiadi degli scacchi è già fissata: si terranno dal 20 maggio al 4 giugno 2006.
In occasione della conferenza stampa di martedì, è stato presentato il programma preolimpico (ne parleremo In questa rubrica) ed è stato presentato il nuovo logo delle Olimpiadi: il re di scacchi giallo e blu, chiaro riferimento ai colori della città di Tonno.
Il logo delle Olimpiadi degli Scacchi è stato disegnato "da uno studente, dello I.E.D. di Torino a suggello della sinergia attivata in regione tra mondo degli scacchi e scuola.
La dottoressa Anna Maria Dominici (direttore dell'Ufficio Scolastico del Piemonte) ha parlato del concorso per definire la mascotte della manifestazione, aperto agli istituti scolastici piemontesi.
Il commissario straordinario della Federscacchi, Giuseppe De Capua, ha confermato la disponibilità della Federazione scacchistica italiana a supportare le iniziative promozionali giovanili collegate alle Olimpiadi.
Annunciata per il 5 marzo l'apertura del sito Internet ufficiale che verrà inaugurato da Alexandra Kosteniuk, che è stata vice campionessa del mondo, ma che è nota ai più per la sua professione di attrice e top model (www.kosteniuk.com ).
Torneo di Santa Margherita. Si è concluso il 10° torneo open di Santa Margherita. primo torneo week-end della stagione ligure 2005.
A metà gara tutto si era mosso nei binari prevedibili, complici il sistema svizzero e l'elevato numero di giocatori, ma negli ultimi tre turni si sono avute conferme e sorprese.
Tra le prime c'è la vittoria dell'unico maestro internazionale in gara, il croato Milan Mrdja.
Deludono le aspettative i maestri Fide: Marco Piccardo di Chiavari e Raffaele Di Paolo.
Quest'Ultimo cede il passo al candidato maestro Marcello Astengo, fresco campione provinciale, vincitore del titolo proprio il mese scorso a Santa Margherita.
Grazie a questa vittoria, Astengo conquista Il secondo posto.
Il podio si completa con Giovanni Massa, anche lui candidato maestro, mentre l'onore del circolo locale è tenuto alto da Marco Brenco: conquista cinque punti su sei con uno slalom olimpico e raggiunge un traguardo inatteso.
Il torneo patrocinato dall'assessorato allo Sport di Santa Margherita Ligure, si è disputato all'interno della splendida cornice di Villa San Giacomo: «La partecipazione è andata al di là delle più rosee aspettative, - dice Pietro Grassi, segretario del Circolo organizzatore - grazie alle 48 presenze registrate»-.
Tutti i resoconti del dopo gara sul Sito ufficiale www.scacchisanta.com.
Il prossimo appuntamento giocato in Liguria sarà ancora un torneo week-end, il 5 - 6 febbraio e il 12 - 13 febbraio, organizzato dal Genova Scacchi (www.genovascacchi.it) mentre questa sera parte il Grand Prix (gare di cinque minuti).

Paolo Fasce (paolo@fasce.it)

Al Novotel i Maestri dello scacco matto

Domenica 7 Agosto 2005

Molti tornei internazionali di scacchi sono più longevi di quello genovese che oggi arriva alla sua nona edizione, ma il prestigio che in questo primo quasi decennio di vita si è saputo conquistare questo evento è invidiato da molti. "Questo è l'anno della svolta - afferrna Luciano Ferraro, presidente del circolo Genova Scacchi di via Donato Somma 17, organizzatore della manifestazione - perché oggi abbiamo già 150 pre - iscritti. Noi puntiamo a sfondare le duecento adesioni".
Il nono Open Internazionale di Genova si celebra nella settimana a cavallo di ferragosto, giorno che quest'anno rappresenta l'ultima giornata del torneo che comincia lunedì 8 alle ore 17.00 al Novotel di Sampierdarena. Le iscrizione (la quota è di € 50) debbono però pervenire entro le ore 16.00 e l'impegno è di una gara al giorno a partire dalle ore 17.00 per i giocatori esperti, dalle ore 18.00 per i principianti.
"Quest'anno - spiega Ferraro - abbiamo voluto spezzare il torneo in tre tronconi: l'Open A riservato ai giocatori di alto livello, il B, al quale si prende parte con un elo superiore a 1600 e infine il C per i bambini e i principianti. Questo perché sappiamo che molti gradiscono partecipare ad un evento nel quale sono presenti tanti e tali campioni, ma tanti preferiscono vederli operare giocando con dei pari grado". Sono almeno quattro i grandi maestri attesi: il bulgaro Chatalbashev, l'uzbeco Barsov, l'israeliano di chiara ascendenza russa Oratovsky e il serbo Lazic. A cercare di guastar loro le feste, il maestro internazionale Mario Lanzani, uno dei pochissimi professionisti in Italia che vivono di scacchi. Tra le donne una già campionessa della Russia nel 2001 quando aveva 19 anni, Olga Zimina. Tra i liguri, molto si attende da Raffaele Di Paolo (che cura sul Secolo XIX una rubrica il sabato), Flavio Guido e il giovane Remigio Fossati.
Gli altri elementi di pregio e di richiamo di questo torneo? «La qualità totale. - dice Ferraro - A partire dalla sede di gara: il Novotel di Genova Sampierdarena. Sale ampie, spazi sufficientemente isolati acusticamente da rendere la concentrazione per la gara agevole.
Altro elemento di qualità è il vertice arbitrale: Francesco D'Alessandro, a capo dello staff, è arbitro internazionale. In buona sostanza abbiamo l'omologo scacchistico di Collina. Gli orari del torneo, poi non sono compressi: si gioca una gara al giorno, i principianti cominciano alle 18.00, in sintesi si può uscire dall'ufficio e venire qui.

Paolo Fasce (paolo@fasce.it)