37e Olimpiadi degli Scacchi | Torino 2006

Home Page

login

Untitled Document
Settembre 2018
LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
       
SCACCHI E TECNOLOGIA

Le Olimpiadi dei giochi di strategia


L’info-telematica
Questo settore fa convivere tra loro diverse opportunità: il Campionato del Mondo di scacchi per computer, le Olimpiadi dei Giochi di Strategia per Computer e il Convegno Scientifico "Computer and Games 2006". Nelle edizioni precedenti queste manifestazioni hanno avuto, per l’alto grado d’avanguardia tecnologica, una risonanza mondiale.
Il World Computer Chess Championship (WCCC), organizzata dalla International Computer Games Association ICGA, è una manifestazione che ebbe inizio nel 1974 e che ha segnato e favorito il progresso dei computer e dei programmi che giocano a scacchi. Il WCCC si è sempre svolto in nazioni tecnologicamente molto avanzate ed ha celebrato la vittoria dei ritrovati tecnologici più innovativi; durante il campionato si è soliti vedere in competizione i migliori software di scacchi del mondo.
Le Olimpiadi dei giochi di strategia hanno uno spirito fortemente scientifico, e richiama da tutto il mondo ricercatori nel campo dei programmi software per giochi di strategia: un campo di ricerca molto fecondo per i ricercatori di Intelligenza Artificiale. L’insieme dei giochi sottoposti a test a Torino sono: gli scacchi cinesi, il Go, gli scacchi giapponesi, Clobber, il pool biliardo per robot Greenspan, Dots and Boxes, e per la prima volta una sfida a Krieg Spiel!.
Il Convegno "Computer and Games", a cadenza biennale, è il maggior forum internazionale per la ricerca e lo sviluppo di tutti gli aspetti dell’intelligenza artificiale nel gioco del computer.
Durante l’evento sono previste una serie di conferenze divulgative che toccheranno i temi più sensibili e recenti nel merito della difficile compenetrazione tra il mondo del gioco e quello della tecnologia; sondando argomenti quali lo stato dell’arte dei programmi di gioco, gli sviluppi teoretici e le correlazioni con l’avanzamento della ricerca; oltre alle nuove tecniche di Intelligenza Artificiale applicate al gioco e gli aspetti sociali e cognitivi degli scacchi al computer.
Protagonisti delle conferenze saranno personalità di spicco a carattere nazionale ed internazionale.
Paolo Ciancarini è Professore Ordinario di Informatica all’Università di Bologna. Si occupa da molti anni di Intelligenza Artificiale e di come si progettano i programmi che giocano a Scacchi, su cui ha scritto il libro “Giocatori Artificiali” (Mursia) e diversi articoli scientifici. E’ membro della International Computer Games Association (ICGA), ed ha organizzato a Torino il 14° Campionato del Mondo per Computer e l’11 Olimpiade dei Computer.
Il tema della Conferenza del prof. Ciancarini, "Scacchi e Innovazione scientifica e tecnologica", descrive la storia dell’evoluzione del gioco degli Scacchi in relazione all’evoluzione scientifica e tecnologica. La conferenza descrive come alcune innovazioni tecnologiche, quali ad esempio la stampa, i computer e Internet, hanno influenzato le regole e la pratica di gioco. La conferenza tratterà inoltre del rapporto tra la storia delle nazioni scacchisticamente più evolute e la loro forza militare ed economica.
Il dibattito su "Stato dell’arte dei programmi che giocano a Scacchi" coinvolgerà alcuni dei principali ricercatori nel campo delle macchine che giocano a Torino nel campionato del Mondo per computer. Inoltre parteciperanno il prof. Jaap van den Herik, dell’Università di Maastricht (Olanda), arbitro del campionato del mondo, e David Levy, scozzese, maestro intenazionale di scacchi e presidente della ICGA, l’associazione che da decenni organizza il campionato stesso. Levy è famoso perché in passato scommise di battere tutte le macchine che lo avessero sfidato.
Giuseppe O. Longo è Professore Ordinario di Teoria dell’Informazione all’Università di Trieste. Attualmente si occupa soprattutto di epistemologia, di intelligenza artificiale, di problemi della comunicazione e delle conseguenze sociali dello sviluppo tecnico, pubblicando articoli su riviste specializzate e svolgendo un’intensa attività di conferenziere. Su questi temi ha tenuto numerose conferenze ed ha pubblicato diversi saggi. Ha inoltre pubblicato tre romanzi e diversi racconti e commedie.
Il tema della conferenza del prof. Longo, "La cognizione degli Scacchi" sono le relazioni tra le scienze cognitive e il gioco degli Scacchi. Le scienze cognitive, come ad esempio la psicologia, studiano il funzionamento della mente. Gli Scacchi sono stati negli ultimi decenni un importante soggetto di studio per queste discipline.
Piergiorgio Odifreddi è Professore Ordinario di Logica Matematica all’Università di Torino. E’ un saggista e storico della scienza, molto attivo anche come divulgatore. Laureato in matematica a Torino ha insegnato in Italia, negli Stati Uniti e in Russia. E’ autore di moltissimi libri: tra i più recenti: Il matematico impertinente, (Longanesi), Penna, pennello, bacchetta: le tre invidie del matematico,( Laterza); Idee per diventare matematico (Zanichelli). Ha scritto per La rivista dei libri e vari articoli divulgativi per Le Scienze, oltre ad aver collaborato con vari quotidiani come la Repubblica, La Stampa e con il settimanale L’espresso. Radio Tre, RAI Due e RAI Tre hanno ospitato alcuni suoi interventi in varie rubriche scientifiche. Nel 2005 è stato nominato Commendatore della Repubblica per meriti scientifici.
Il tema della conferenza del prof. Odifreddi, "Scacco alla regina delle Scienze", sono i rapporti tra gioco degli Scacchi e scienze matematiche.

La tavola rotonda della ricerca torinese
L’area del gioco rientra nel campo d’indagine delle scienze umane, ma gli scacchi rappresentano l’anello di congiunzione più efficace tra la ricerca in campo umanistico e quella in campo scientifico.
In questo incontro, promosso in collaborazione con il Comitato Regionale Piemonte Fsi, verranno inoltre illustrati i risultati della ricerca scientifica sul progetto Scacchi e Scuola 2005 svolta da parte di giovani ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’educazione dell’Università di Torino.
Parteciperanno al convegno i professori Barbara Bruschi, Alberto Parola e Roberto Trinchero, moderati dal Prof. Roberto Rivello.

Le pubblicazioni
Saranno pubblicati gli atti della conferenza-simposio dall’Editore Springer, mentre una seconda pubblicazione si svilupperà all’interno della collana Lecture Notes in Artificial Intelligence, con una distribuzione che copre tutte le biblioteche universitarie che si occupano di tematiche legate all’informatica.

14º Campionato del Mondo dei Computer
  5º Congresso "Computer e gioco"
11º Olimpiade dei Computers

Per informazioni scrivere a: Olimpiadi e Cultura