E' un mondo difficile

Mercoledì 19 grande festa degli scacchi al Palasport Ruffini con il classico appuntamento annuale dei Giochi Sportivi Studenteschi. La kermesse ha coinvolto 80 squadre (43 di scuole elementari e le altre 37 fra medie e superiori) formate da 4 giocatori ciascuna per un totale di 320 giocatori.

Naturalmente a questo numero vanno aggiunti accompagnatori, capitani e genitori che disciplinatamente si sono sistemati in tribuna “tifando” per le loro squadre, magari cercando di sbirciare l’evoluzione delle varie posizioni.

Nonostante il numero sia come sempre impressionante, in verità abbiamo avuto un calo significativo rispetto alle 100 squadre record di un paio di anni fa. E le motivazioni quali sono?

Da una parte la scarsa partecipazione di squadre dalla provincia: centri importanti per l’attività scolastica quali Ivrea, Pinerolo e Chivasso evidentemente sono in una fase problematica che si ripercuote inesorabilmente sulla attività agonistica. Dall'altra però anche le scuole in certi casi non aiutano. Ci sono stati Direttori Didattici che non hanno autorizzato l’accompagnamento di un insegnante per problemi interni e, ligi alla forma, non hanno nemmeno permesso l’uscita dei ragazzi accompagnati dai genitori.

Certo che la partecipazione ai GSS va al di là della gara in sé: si tratta sempre di incontri e scambio di esperienze fra i ragazzi in primis, ma anche fra gli insegnanti che li accompagnano, e se questo viene a mancare sarà sempre tutto più complicato. 

Ma veniamo alla gara.

Ogni gruppo qualificava le prime tre squadre ai regionali del 14 aprile a Cuneo. Arbitri a iosa e accompagnatori hanno diretto senza troppi problemi le gare delle varie serie. Come sempre un po' di caos, sia per il numero di bambini presenti nel medesimo torneo, sia per la giovane età, è stato dato dalle elementari. Ma non più del solito, e poi siamo ormai abituati a gestire le situazioni più disparate che difficilmente andiamo in crisi. Nessun problema nemmeno per le mosse irregolari, croce e delizia di questi tornei, che sono state pochissime. Ancora meno problemi dagli altri tornei che vedevano sfidarsi i ragazzi delle medie e delle superiori, e cioè ragazzi che erano già abituati sia a gestire il torneo sia il tempo con l'uso dell'orologio.

Prossimo appuntamento per i regionali il 14 aprile e per  i migliori del regionale i nazionali ad Assisi alla fine del mese di maggio.

Tutte le classifiche qui.

Sito nazionali.

In anteprima la foto della squadra dell'Avogadro di Torino, 1.a classificata Juniores; in alto il Majorana Grugliasco, 1.a classificata degli Allievi.

Elementari femminili 1.a Gramsci, Beinasco.

Elementari maschili 1.a Aleramo, Torino.

Medie Maschili 1.a Frassati, Torino.

Condividi sui tuoi social networks

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT