SCREEN

Cpanel

Nel tempo libero... di Carlo

Ecco un altro appuntamento con questa rubrica, senza un ritmo fisso, in cui pubblichiamo materiale che ci manda Carlo Bolmida. Questa volta riceviamo una poesia che ha compiuto da poco 40 anni, ispirata da un'opera di Giacomo Zanella. E, come si dice in questi casi, con originale a fronte!

Chi non conosce Carlo Bolmida? Da sempre roboante fustigatore di costumi, autore di tutto un po', dai quadri appesi ai muri della Sst, agli articoli sulle riviste scacchistiche, dalle foto alle poesie. Ancora oggi pur non distante dalla soglia dei 90 anni arriva in Sst e comincia a "menare il torrione", a imperversare con i suoi consigli sul gioco d'attacco e a redarguire gli "spingilegno" come lui ama definire e definirsi: quelli che non conoscono tutte le sottigliezze degli scacchi e che anelano di arrivare a giocare una bella partita, magari anche solo una bella combinazione, di quelle da ricordare, da vedere e rivedere. Quelli alla fin fine che amano giocare, giocare e ancora giocare. Negli anni Carletto ha scritto e pubblicato di tutto e in questo spazio di volta in volta pubblicheremo quello che vorrà mandarci. Naturalmente poi alla sera, in sede, si sprecheranno i commenti e questo sarà un motivo in più di polemica e di discussione.

                                                                                 La Redazione.

 

"Sopra una lignea scacchiera nel mio studio"
di Carlo Bolmida

da: "Sopra una conchiglia fossile nel mio studio"
di Giacomo Zanella

 

E' chiuso il quaderno
de' "matti" famosi;
con tristo costerno
negletta riposi,
riposi tu inutile,
di pezzi un dì fiera,
mia lignea scacchiera.

Occulta nel fondo
d'oscuro armadione,
per te, allor biondo,
non ebbi attenzione,
vagavo coi futili,
con femmine a schiera,
ed eri chimera.

Per quanta vicenda
di lente stagioni
riempisser l'agenda
di mille occasioni,
da te io, volubile,
e senza rimorso,
non ebbi soccorso.

Ancor sembra ieri;
sul Pado, era ora,
assai volentieri
stringevo una mora;
ragazze cantavano,
e il remo tendea
verso il Cerea (*).

E' fresca la polve
che il tempo perduto
in crapule involve.
Già sono canuto,
e appena l'ostetrica
posommi pian piano
sopra il divano!

Tu, prima che desta,
divina scacchiera,
colpissi mia testa
sul far della sera,
ne avevi da secoli,
già prima plagiati
co' pezzi pregiati!

Riflesso negli occhi
il piano e il quadretto,
già Re ed arrocchi
mi tengono stretto,
trattati ora scoprono
di pelaghi ignoti
i tratti ostrogoti.

Nell'imo, i finali,
ignoti e sepolti;
aprendo, di draghi
mi parlano, stolti;
gran libri mi insegnano
varianti matrigne
di botte più arcigne.

Son baldo di speme,
pur ultimo giunto,
mi dedico al seme
di un mondo irraggiunto
malgrado la fiaccola:
insegna al maldestro
un Grande Maestro!

Soltanto più scacchi!
Studiar senza freni
malgrado di smacchi
il cielo baleni.
Per mosse recondite
ardente mi spando:
m'informo, donando.

M'avanzo, m'avanzo,
novello guerriero,
m'esercito a pranzo,
esploro il mistero.
Tristissime lagrime
Ancora rinserra
Di scacchi la guerra!

Ma è troppo segreta
pe' miei settant'anni
la nobile meta
di studi ed affanni!
Randelli marmorei,
picchiando, fan male,
sull'erta fatale!

Alfine disceso,
su smanie ormai dome,
un Angelo atteso
chiamommi per nome:
Carletto riprenditi!
Tralascia, pollastro,
non sei che un disastro!

Compiute le sorti,
son giunto al tracollo,
in nero angiporto
m'occulto, controllo:
in Internet son libero!
Mi fo un pisolino..
Ho il “mostro” vicino.

(*) Circolo di Canottaggio di Torino

Carlo Giuseppe Bolmida 1976

 

Sul chiuso quaderno
Di vati famosi,
dal musco materno
lontana riposi,
riposi marmorea.
Dell'onde già figlia,
ritorta conchiglia.

Occulta nel fondo
D'un antro marino
Del giovane mondo
Vedesti il mattino;
vagavi co' nautili,
co' murici a schiera;
e l'uomo non era.

Per quanta vicenda
Di lente stagioni
Arcana leggenda
d'immani tenzoni
impresse volubile
sul niveo tuo dorso
dei secoli il corso!

Noi siamo di ieri;
dell'Indo pur ora
sui taciti imperi
splendeva l'aurora;
pur ora dal Tevere
a' lidi tendea
la vela di Enea.

E' fresca la polve
che il fasto caduto
de'Cesari involve.
Si crede canuto
appena all'Artefice
uscito di mano
il genere umano!

Tu, prima che desta
all'aure feconde
Italia la testa
levasse dall'onde,
tu,suora dei polipi,
de'rosei coralli
pascevi le valli.

Riflesso nel seno
de'ceruli piani
ardeva il baleno
di cento vulcani:
le dighe squarciavano
di pelaghi ignoti
rubesti tremoti.

Nell'imo de' laghi
Le palme sepolte;
nel sasso de' draghi
le spire rinvolte,
e l'orme ne parlano
de' profughi cigni
sugli ardui macigni.

Pur baldo di speme
l'uom, ultimo giunto,
le ceneri preme
d'un mondo defunto:
incalza di secoli
non anco maturi
i fulgidi augùri.

Sui tumuli il piede,
ne' cieli lo sguardo,
All'ombra procede
di santo stendardo:
per golfi reconditi,
per vergini lande
ardente si spande.

T'avanza,t'avanza,
divino straniero:
conosci la stanza
che i fati ti diero:
se schiavi, se lagrime
ancora rinserra,
è giovin la terra.

Eccelsa, segreta,
nel buio degli anni
Dio pose la meta
De' nobili affanni.
Con brando e con fiaccola
Sull'erta fatale
Ascendi, mortale!

Poi quando disceso
Sui mari redenti
Lo Spirito atteso
Ripurghi le genti,
e splenda de' liberi
un solo vessillo
sul mondo tranquillo:

compiute le sorti
allora de' cieli
ne' lucidi porti
la terra si celi:
attenda sull'ancora
il cenno divino
per novo cammino.

 

 

Condividi sui tuoi social networks

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT
Sei qui: Home Scacchi e cultura Nel tempo libero... di Carlo