Questa prima edizione per il 2016 dei tornei domenicali riservati ai ragazzi delle scuole elementari ha portato ben 73 bambini a incrociare torri e cavalli nei nostri saloni di via Goito che, nonostante gli oltre 100 genitori e parenti al seguito, hanno retto al piacevole e chiassoso assalto.

I bambini sono stati divisi in due gruppi, uno per chi frequenta la 123 elementare senza orologio, l’altro per quelli più grandi di 4.a e 5.a con 10 minuti a testa a disposizione per ogni partita. Ogni torneo prevedeva 5 premi assoluti per i maschi e 3 per le femmine e poi 3 premi riservate a chi era di 1.a elementare e 3 premi per chi partecipava per la prima volta. Ventidue premi a disposizione degli agguerritissimi e temibilissimi giocatori.

I tornei si articolavano sulla distanza di 7 partite sotto la guida degli arbitri: Oliviero Gazzola e Davide Spatola coadiuvati da Tatiana Milceva e Pietro Buffa.

E per tre ore dalle 14.30 alle 17.30 tutto si è svolto in maniera perfetta. Qualche fisiologica lacrimuccia qua e là, subito rientrata grazie agli arbitri e ai genitori che sono stati più che fantastici nel rispettare lo spazio gioco dei due saloni sotto, a non assieparsi sulle scale e ad accettare il contingentamento per andare in sala a scattare fotografie dei figli all’opera.  Tutte queste regole e regolette si sono rese necessarie proprio per l’eccezionale affluenza.

Impeccabili gli arbitraggi, abbiamo scritto, fantastici i genitori e tutto ok fino alla premiazione quando siamo stati traditi da chi non ti aspetti: il software per i turni! Inspiegabilmente per la prima volta da anni non ha aggiornato la classifica dopo l’inserimento dei risultati dell’ultimo turno e così abbiamo stampato la classifica ferma al turno precedente, quella dopo il sesto turno e, senza accorgerci di nulla, abbiamo premiato con quella.

Mano a mano che leggevo i nomi dei premiati vedevo nei volti di alcuni bambini comparire un’espressione di perplessità e qualche brusio ma, forte dei potenti mezzi al nostro servizio, non capivo cos’era accaduto. Poi, finita la premiazione, siamo andati con ragazzi e genitori a confrontare i risultati e l’arcano è stato svelato.

Devo dire che anche in questa situazione un po’ concitata abbiamo avuto delle civilissime prese d’atto della situazione da parte dei genitori che hanno compreso di che cosa siamo rimasti vittime.

Ora tutto è a posto cliccate qui e troverete le classifiche senza errori.

Naturalmente chi ha ricevuto un premio per errore lo tiene, magari come sprone per un piazzamento la prossima volta reale, mentre chi è caduto nell’inghippo tecnologico riceverà la coppa a scuola direttamente dall’istruttore. Purtroppo l’unica cosa alla quale non possiamo rimediare è l’applauso che la platea non ha lesinato a nessuno. E di questo siamo veramente dispiaciutissimi.

A giorni prepareremo la pagina su Facebook con le foto fatte. A questo proposito invitiamo tutti coloro che hanno scattato delle immagini a mandarcele via mail così da ampliarla.

Hits: 26