Un vero trionfo quello di Alessandro Federico Bisetto ai Campionati Italiani Giovanili che si sono disputati a Salsomaggiore Terme dal 29 giugno al 6 luglio.

Il piccolo talento della Sst ha sbaragliato la concorrenza e con un perentorio 9/9 ha conquistato il titolo di Campione Italiano nella categoria U8.

Su Alessandro la Sst nutriva fondate speranze di podio, ma un risultato così clamoroso era difficilmente preventivabile. 9 vittorie su 9 si verifica raramente, ma Alessandro ha dimostrato una superiorità schiacciante che lo ha portato a vincere, e soprattutto convincere, in tutte le partite.

A dire il vero un misterioso giallo finale c’è stato 😊 Nell’ultimo turno, con il titolo già in tasca (Alessandro si è laureato Campione con un turno di anticipo) nella trasmissione online abbiano visto Bisettino perdere in maniera così netta da non sembrare lui. Noi istruttori abbiamo pensato ad un comprensibile appagamento che l’ha portato a rilassarsi più del dovuto, ma conoscendolo ci è sembrato strano. Arrivati davanti alla sede di gioco c’era papà Enzo sorridente e quasi incredulo per il punteggio pieno. Punteggio pieno? Ma non ha perso l’ultima partita? Noooo! Un banale errore di trasmissione online (la scacchiera 1 invertita con la 2) corretto a fine partita ci aveva riservato un piccolo brivido finale. Alessandro in realtà aveva vinto brillantemente anche l’ultimo incontro e quindi via a foto e festeggiamenti.

Un titolo meritatissimo, che tuttavia deve essere un punto di partenza. Alessandro ha tutte le possibilità di diventare un astro nel panorama italiano, a patto di mantenere la passione, la capacità di impegno e il talento che lo hanno contraddistinto finora. La Sst dal canto suo cercherà di fornirgli tutto il supporto necessario per la sua scalata.

 

La trasferta di Salsomaggiore ha visto 33 ragazzi Sst impegnati nelle varie categorie.

Oltre al fantastico risultato di Alessandro, sono arrivati anche buoni piazzamenti e qualche risultato un po’ al di sotto delle aspettative. In generale tuttavia il bilancio è più che positivo, con il 7° posto ottenuto nella classifica dei circoli e il 3° posto nella classifica delle province (grazie anche alla bellissima vittoria di Rebecca Tarricone, stella del circolo di Cirié, nell’U10 femminile).

Vediamo dunque i risultati dei nostri nelle varie categorie.

 

Nell’U8 da segnalare l’ottimo risultato di Tassilo De Nicola, che con 5,5/8 ha confermato la crescita dell’ultimo periodo. Tassilo ha partecipato con entusiasmo a tutte le recenti iniziative Sst, dal Campionato Regionale a Squadre di Candelo del 2 giugno, allo stage di preparazione a Salsomaggiore (11 – 27 giugno), e i risultati si sono visti. Bravo Tassilo!

 

Nell’U10 buon risultato di Giuseppe Savojardo (4,5/9) che ha dimostrato buone capacità e voglia di migliorarsi. Un 50% che è di buon auspicio per il futuro, a patto di continuare su questa strada.

Mattia Calosso invece è stato preda dell’emozione nei turni iniziali, ma poi ha iniziato a sciogliersi e giocare meglio, chiudendo a 4 punti. Mattia ha ottime potenzialità, che speriamo possa esprimere al più presto.

Per Paolo Giuliani una buona prima esperienza in un torneo impegnativo. I margini di miglioramento ci sono, ma come sempre dipendono dall’impegno.

 

Nell’U12 bel torneo da parte di Tommaso Spalla (5,5/9) che con il suo gioco sempre all’attacco riesce spesso a mettere in difficoltà gli avversari.

Altrettanto bravo è stato Leonardo De Nicola (5,5/9 anche per lui) che ha mostrato tutti i progressi dell’ultimo periodo. Leonardo ha un approccio molto maturo alla scacchiera, pensa il giusto e ha sempre idee interessanti.

Bene anche Martino Bibbona, che alla sua prima esperienza chiude con un ottimo 5/9. Bravo Martino, continua così.

Pier Paolo Squarotti ha iniziato male il torneo, con poca concentrazione e tante sviste. Molto meglio nella seconda parte, dove tre vittorie di fila negli ultimi turni gli hanno permesso di chiudere a 5/9 in crescendo.

Niccolò Agliata (4/9) deve migliorare nell’approccio alla partita e studiare un po’ meglio le aperture, perché giocare a certi livelli lo richiede.

 

Nell’U12f esordio per Sofia Kapplanaj (4/9) che ha raccolto un po’ meno di quanto meritasse. Colpa di un po’ di inesperienza che l’ha penalizzata in qualche partita. Siamo certi che il prossimo anno Sofia sarà più pronta.

 

Nell’U14 bellissimo torneo per Gabriel Bahnareanu (6/9 e quasi 2K guadagnati). Partito con 4/4 Gabriel ha poi incontrato sempre avversari tosti, dimostrando di poter competere con i primi in classifica. Solo una sconfitta all’ultimo turno gli ha impedito di entrare nei primi 10 ed essere premiato.

Giuliano Mastroleo Re è partito in sordina (1/4), ma poi ha iniziato a sciogliersi e giocare meglio, chiudendo con un buon 5/9. Giuliano ha ottime doti, probabilmente dovrebbe giocare di più durante la stagione e soprattutto scegliere tornei open dove confrontarsi con i più forti.

Andrea Petroccione ha ben figurato al suo esordio totalizzando 4,5 punti. Andrea ha molta passione e lo si vede sia quando gioca che quando analizza. Gli manca l’esperienza a tempo lungo, ma presto arriverà anche quella.

Anche Gael Giardina ha chiuso con un buon 50%, frutto soprattutto di un notevole sprint finale. Si è trattato del suo primo torneo a tempo lungo, quindi era in preventivo una partenza un po’ a rilento.

Fabio Poletto ha chiuso con 4/9, ma al di là del risultato finale, Fabio dovrebbe iniziare a giocare tornei anche durante l’anno se vuole migliorarsi. È un discorso che vale un po’ per tutti, ma in particolare per chi frequenta corsi da anni ma poi non gioca tornei.

 

Nell’U16 Rossano Caputo ha chiuso a 5,5 in linea con il punteggio atteso. Rossano ha bruciato le tappe passando in meno di un anno da zero a 1N. è fisiologico qualche torneo di assestamento in un’ottica di crescita costante.

Anche Simone Villa ha chiuso a 5,5, ma ha dovuto riparare con 2 vittorie finali ad una situazione che si era messa un pochino male. Dopo la brillante affermazione al Festival di San Giovanni può capitare di non ripetere l’exploit, ma quando un torneo non va per il verso giusto bisogna essere bravi a limitare il danno, e Simone lo è stato.

Andrea Groppi ha totalizzato 5 punti, ma potevano essere di più se avesse gestito meglio la buona posizione raggiunta nell’ultima partita. È mancata un po’ di esperienza nella gestione di situazioni tese, un aspetto che spesso lo ha penalizzato anche in passato.

Michele Ettore Cericola ha giocato ben al di sotto delle sue possibilità (appena 4,5/9). Michele sente troppo gli eventi importanti e spesso non riesce ad essere sciolto per poter esprimersi al meglio. È un aspetto su cui lavorare, perché non è la prima volta che succede.

Leonardo Gino Frenda ha chiuso al 50% con ben 7 patte all’attivo. Ma si è trattato spesso di occasioni perse in finali superiori. Leonardo dovrebbe essere un po’ più lineare alla scacchiera, invece spesso si complica la vita da solo pensando a troppe cose e finendo col far confusione.

In linea con le attese il torneo di Tommaso Vallone (3,5/9), che probabilmente sperava in qualcosa di meglio. Purtroppo un finale a rilento (1/4) lo ha penalizzato, ma in questi eventi così lunghi bisogna essere bravi a tenere fino alla fine.

Anche Tommaso Salussolia Bondonno chiude a 3,5, ma trattandosi della prima esperienza a tempo lungo, il risultato è certamente positivo. Nella prossima stagione ci aspettiamo un salto di qualità.

 

Un po’ di delusione nell’U16f, dove Amaliya Manco chiude al 9° posto con 5,5/9. Amaliya aveva tutte le carte in regola per puntare al podio, ma le sconfitte al 7° e 8° turno l’hanno estromessa dalle posizioni che contano. Un vero peccato, perché la bella vittoria contro Gaia Costantino al 4° turno faceva presagire tutt’altra classifica finale.

Josephine Simone è riuscita con un buon finale di torneo a rendere accettabile la sua classifica finale. Dal punto di vista del gioco i progressi da fare sono ancora tanti, ma più di ogni altra cosa Josephine dovrebbe pensare di più prima di muovere, perché molti errori sono arrivati proprio per la fretta.

Della comitiva Sst ha fatto parte anche Daniela Oteri, tesserata per il circolo di Pinerolo.
Daniela ha chiuso al 50% riuscendo anche a prendere la categoria 2N. Non male, anche se qualche mezzo punto è stato sprecato per fretta o inesperienza.

 

Nell’U18 Giulio Agresta è stato senza dubbio il migliore dei nostri. Sia per il risultato finale (6,5/9, 10° posto assoluto e +60 di incremento Elo), che per il gioco espresso. Giulio è partito con 5/5 battendo anche il numero 1 di tabellone, dopodiché ha tenuto comunque le posizioni di testa confrontandosi con tutti i migliori.

Nel gruppo a 6,5 troviamo anche Giorgio Gola, ma due sconfitte nei turni centrali lo hanno estromesso dalle posizioni che contano. Giorgio comunque non si è perso d’animo, ha rimediato con tre vittorie finali ottenendo comunque una posizione finale migliore del suo ranking.

A guidare il gruppone Sst a 6 punti troviamo Riccardo Lo Gatto. La sua classifica finale poteva essere ben diversa se l’ultimo incontro con un avversario nettamente alla sua portata fosse finito in maniera diversa. L’incremento Elo di circa mezzo K è una magra consolazione.

Alberto Rotondaro partiva con un ranking di tutto rispetto, e fino al 6° turno ha mantenuto un’ottima classifica (5/6). Peccato per il crollo finale (appena 1/3) che ha avuto ripercussioni su classifica e Elo. Per Alberto si è trattato dell’ultimo giovanile, e probabilmente le aspettative sue e nostre erano un po’ diverse.

Chiude il gruppo a 6 punti Federico Giammona, il cui bicchiere è certamente mezzo pieno. Federico ha giocato un torneo di vertice piegandosi solo al vincitore Niccolò Casadio. È stato anche protagonista di ben due derby finiti in parità (con Giulio Agresta e Alberto Rotondaro), ed in generale ha mostrato una grande solidità di gioco.

Andrea Bosio chiude a 5,5 un torneo in cui ha incontrato qualche difficoltà. Ha pesato la lunga assenza dai tornei, visto che praticamente non giocava da un anno. Si spiega così la flessione negli ultimi tre turni contro avversari alla sua portata.

Marco Mottese ha chiuso a 5 punti un torneo giocato in linea con le attese. È mancato l’acuto, ma anche per lui l’aver giocato poco negli ultimi mesi ha pesato. La continuità di rendimento non può prescindere dalla partecipazione ai tornei.

Discorso diverso per Michele Alessio, che ha pagato un po’ di inesperienza totalizzando 4 punti al suo primo (e ultimo vista l’età) giovanile. Michele ha conosciuto un po’ tardi gli scacchi agonistici, ma ha tutto il tempo per rifarsi.

 

La trasferta Sst ha visto impegnati ben cinque istruttori.

 

Oltre agli accompagnatori Silviu Pitica e Enrico Pepino, hanno dato un notevole contributo anche Simone Bergero, Mirko Lizzul-Coppe e Simone Perano.

Davide Spatola invece era in veste di Presidente del Comitato Regionale, nonché delegato per il Piemonte insieme a Massimo De Barberis.

Le figure dei delegati sono estremamente delicate, perché sono gli unici ad avere accesso ai tavoli di gioco, e se teniamo presente che il Piemonte si è presentato con 93 partecipanti, possiamo immaginare quanto sia stato difficile. Durante la settimana c’è stata anche la gradita visita del Presidente Sst Renato Mazzetta, giunto a Salsomaggiore per supportare ragazzi e istruttori.

 

Risultati e Classifiche su Vesus

Sito ufficiale dell’evento

Visits: 374